CHO 19,37 g per 100 g

Pasqua è alle porte e per il pranzo in famiglia noi vi proponiamo un grande classico della tradizione: Torta Pasqualina.
Diciamo che è anche la soluzione perfetta per far mangiare le verdure ai più piccoli senza annoiarli. La nostra versione non prevede l’uovo nel ripieno che rimane comunque bene in mostra al taglio delle fette.

Ingredienti

510 g pasta brisée** (pari a quasi 2 rotoli di Pasta Brisée Buitoni senza glutine)
500 g erbette pulite
310 g ricotta
150 g spinacini puliti
130 g fagiolini verdi
100 g Parmigiano Reggiano grattugiato
30 g pinoli
20 g olio extra vergine di oliva
4 uova sode
q.b. sale e uovo per spennellare

**Prodotti specifici per celiaci

Preparazione

Fate scottare erbette e spinaci in due padelle antiaderenti con un filo d’olio e la sola acqua residua dal lavaggio. Fate evaporare bene l’acqua o rimuoverla prima di tritare le verdure.

Fate bollire i fagiolini verdi in acqua salata, scolateli e tagliateli a pezzetti.
Mettete erbette e spinaci tritati in una terrina, unite i fagiolini, la ricotta, il parmigiano e i pinoli; infine aggiustate di sale.

Stendete un disco sottile di pasta su un foglio di carta forno in modo da ricoprire una teglia circolare da 24 cm di diametro, lasciando qualche centimetro di bordo. Versate una parte del ripieno e posizionate le 4 uova sode sbucciate a forma di X restando a 3-4 cm da centro (pensate a come verranno tagliate le fette in modo che permettano di vedere l’uovo intero), coprite con il ripieno rimanente e cercate di livellare leggermente il tutto; quindi ricoprite con un secondo disco poi, con l’aiuto di una forchetta, chiudete bene il bordo e forate la superficie.

Spennellate con un po’ di uovo sbattuto.
Cuocete la Torta Pasqualina in forno statico preriscaldato a 200°C per circa 20 minuti fino a quando la superficie sarà dorata.

Versione con glutine: sostituire la pasta brisée senza glutine con pasta brisée tradizionale.

torta-pasqualina-gluten-free-uno-chef-per-gaia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *