Vi raccontiamo di noi…

Tutto è iniziato con un libro. Già, proprio un libro perché “Uno Chef per Gaia” è prima di tutto una raccolta di ricette collezionate negli anni, un diario di cucina personale ed estremamente particolare: si tratta di consigli e preparazioni per celiaci e diabetici.

A scriverlo è stata Ilaria, ma la vera ispiratrice è sua figlia Gaia, a cui i medici hanno diagnosticato il Diabete di tipo 1 e la Celiachia all’età di 6 anni.

Oggi, Uno Chef per Gaia è qualcosa di più, un blog con il quale condividere idee, ricette, spunti interessanti ed aggiornamenti, per rendere il momento della tavola una festa e non una privazione come spesso accade a chi soffre di queste patologie.

Insomma, si tratta di uno spazio attraverso il quale vogliamo condividere le nostre esperienze, dialogare con voi, parlare di una cucina che tutti possono provare a casa propria, ma anche darvi informazioni e suggerimenti utili senza la presunzione di sentirci degli esperti in materia, ma solo degli appassionati sperimentatori.

Proprio per questo, tra le pagine e gli articoli, non troverete mai critiche, quelle abbiamo deciso di evitarle per soffermarci esclusivamente su idee e prodotti che ci hanno colpito positivamente.

Ecco chi siamo!

Ilaria Bertinelli (2)

Ilaria Bertinelli

Sono nata a Parma da una famiglia di agricoltori e produttori di formaggio Parmigiano Reggiano. Mi sono laureata in interpretazione simultanea nelle lingue inglese e spagnolo a Trieste, una passione diventata poi il mio lavoro. Il grande passo è avvenuto nel ’97 quando ho rilevato la società di servizi linguistici specializzati Interconsul, di cui tutt’ora sono Amministratore Unico.

Da allora la strada percorsa è stata tanta, come tante sono state le esperienze affrontate in campo lavorativo che mi hanno portato a viaggiare, conoscere ed approfondire realtà industriali, ma anche culturali e territoriali.

Da sempre appassionata di cucina, cibo e alimentazione, nel 2010 la mia esistenza ha subito un vero e proprio scossone traumatico, quello che io chiamo l’inizio di una “seconda vita : è l’anno in cui a mia figlia Gaia è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 e celiachia. In altre parole, due nuovi, e a dire il vero, un po’ ingombranti, ospiti a tavola.

Alla fine del 2013 viene pubblicato il mio libro “Uno chef per Gaia”, un diario di medicina narrativa nel quale racconto, attraverso ricette con e senza glutine, integrate con il conteggio dei carboidrati, il viaggio della mia famiglia verso la riconquista della normalità.
Oggi siamo già alla seconda pubblicazione del libro: la stessa impronta ma tante ricette nuove da provare.

Chiara Marando 2016

Chiara Marando

Ho scritto di tanti argomenti diversi per una clientela altrettanto variegata. Praticamente posso dire di scrivere da sempre, fin da quando ero piccola ed i pensieri si confondevano nella loro colorata semplicità, fin da quando quei pensieri si sono trasformati in sogni e poi in un curioso sguardo sul mondo. E’ un qualcosa che mi riesce naturalmente, un modo diverso di apprendere, capire le persone e dare corpo alle idee.

C’è chi dice che io sia un “moto perpetuo”, sempre alla ricerca di stimoli, ma personalmente preferisco dire di essere pronta a catturare le emozioni, a cercarne l’energia.

La mia vera fortuna è quella di essere riuscita a trasformare la passione per la scrittura in un vero e proprio lavoro. Il mio essere copywriter e giornalista, con una spiccata specializzazione in ambito food, nasce dalla consapevolezza che, prima di tutto il resto, la comunicazione è “parola”.

Lorenzo Moreni

Lorenzo Moreni

Già da bambino il mondo delle immagini ha esercitato su di me un fascino particolare. Così, sin da subito, mi sono appassionato di fotografia e video. Crescendo, ecco che la tecnologia, con le sue rapide evoluzioni e con il suo continuo aggiornamento, ha iniziato ad incuriosirmi fino a diventare uno dei miei interessi primari.

E con il passare degli anni questa mia curiosità ha fatto sì che io intraprendessi, parallelamente al mio percorso accademico di studi, anche un cammino lavorativo che mi ha portato inizialmente a collaborare, in veste di tecnico specializzato di ripresa e regista televisivo, con alcune emittenti televisive locali.

Da lì all’apertura nel 2001 di Videopress Parma il passo è stato breve. Il mondo dell’enogastronomia, la musica lirica e l’ambiente sono i miei maggiori interessi, che rappresentano anche gli ambiti di specializzazione della mia azienda.